0%

Barbara

Non ricordo bene quando è stata la prima volta che ho posato le mani sui tasti di un pianoforte: ero molto, molto piccola. Ma si staglia netta nella mente l’immagine del mio primo pianoforte a coda, che era un giocattolo dotato di una sola scala di Do Maggiore e con i tasti colorati.
Provavo veramente piacere su quello strumento, mentre suonavo il tasto azzurro, quello giallo, quello verde…

I miei nonni, quando avevo circa tre anni, mi portarono a vedere, e poi anche a provare, un vero pianoforte a mezza coda: con timore e riverenza mi ci avvicinai, tra mille raccomandazioni di stare attenta a non fare disastri…

Ricordo, in modo più vivo che mai, quanto già allora mi piacesse ascoltare la musica alla radio e poi riascoltare tante e tante volte la stessa canzone, la stessa melodia, e poi ancora riuscire ad impararla a memoria.

 

Barbara1

All’asilo mi facevano cantare e, passata la prima emozione, liberavo la voce con entusiasmo.

Dai primi passi, ho proseguito su un cammino più fermo e sicuro nello studio della Musica, tra innumerevoli ore di teoria e solfeggio e l’avvio al pianoforte.

I miei primi fans furono i miei familiari ai quali dedicavo vere e proprie esibizioni. L’incontro col pubblico più numeroso attraverso i saggi parrocchiali ha rappresentato l’anello ulteriore per la successiva ammissione in Conservatorio nella classe di Organo e Composizione, avvenuta in concomitanza con la frequenza dell’Istituto Magistrale.

Ma siccome al cuore non si comanda, la mia massima attenzione allo studio è stata soprattutto rivolta alla Musica, al Pianoforte, all’ Organo, fino ai primi passi verso la Composizione. Fondamentali sono stati lo studio dell’Armonia classica, il Contrappunto e lo studio della Fuga a due voci, a tre, il Mottetto…

Ma al di là di questi scritti e compiti scolastici, verso i diciotto anni nasce in me il desiderio di scrivere in Musica qualcosa di più leggero, più personale, svincolato dalle regole della composizione classica, accompagnato da testi, parole più adatti, come sentivo allora, a una giovane musicista.

 

GiuriaTrofeostudenti2013

Nel contempo, dopo il Diploma ho voluto dare il mio contributo alla formazione di bambini e ragazzi attraverso varie esperienze come insegnante di musica in diverse strutture private, e anche con alcune Ensamble corali, con la direzione dei Pueri cantores, di cori misti di adulti e cori maschili.

In seguito ricomincia a manifestarsi in me la voglia ed il desiderio di scrivere: ecco la nascita del musical ” Il Magnifico Principe”, interpretato dai ragazzi di una V elementare con una prima e seconda media, dove sceneggiatura, coreografia e brani, vengono interamente scritti da me.
Dopo qualche tempo seguì il musical “La Magia della Perla nera”, realizzato con i ragazzi di un istituto di scuola superiore. Una storia fantastica, ambientata nel mare dell’Australia dove i protagonisti principali sono un Pescatore e un Delfino. Essi interagiscono e dialogano sul concetto di Felicità mettendo in evidenza i valori dell’Amicizia e della Solidarietà.

 

PremiazioneStringherUpTrofeoStudenti2013BarbaraNaveDellaLegalita2014 (2)BarbaraIcaro2013-1 (8)

Ho sempre avuto una vocazione nel trasmettere alle nuove generazioni la Sensibilità che la musica regala. Nella scuola, dove svolgo la mia attività di insegnante sono riuscita a formare un Laboratorio di Creatività Musicale, dove i ragazzi si ritrovano per fare Musica, sperimentarla, ascoltarla, suonarla e cantarla.

In tale contesto porto avanti l’attività di docente e di compositrice, partecipando con i miei brani, a molti concorsi indetti dal MIUR, ed anche a bandi che mi vedono concorrere come autrice di canzoni di Musica leggera.

Il suggello dell’ attuale fase di connubio con la musica mi vede con l’intento di scrivere e  realizzare brani dove il pianoforte dialoga con gli altri strumenti dell’orchestra.  È un sogno che diviene realtà.  Tutto ciò porta alla composizione del CD La Meraviglia, una raccolta di 10 brani, che mi rappresentano e che raccontano di me, delle mie emozioni e di fatti accaduti. Sono melodie che abbracciano anche il mondo dell’ascoltatore, proiettato nella sua interiorità ove si riconosce e libera la sua immaginazione.

 

Cover Play Track Title
Track Authors